Non esiste un vaccino per la crisi della fame in America

Non esiste un vaccino per la crisi della fame in America

[ad_1]

Quest'anno, la pandemia COVID-19 ha fatto salire alle stelle il numero di americani affamati. Il tasso di insicurezza alimentare dovrebbe aumentare di almeno il 12,5% dal 2018, mentre il numero di persone con insicurezza alimentare potrebbe aumentare di un minimo di 40,5 milioni, secondo le statistiche di Feeding America, che sta lavorando in tutto il paese per far fronte al bisogno.

Mamie Cain è una volontaria di Feeding America, che lavora a Fayette, Mississippi. Ha fondato la Pine Grove Baptist Church Helping Hands, un gruppo che aiuta la comunità e collabora con il Mississippi Food Network, la banca alimentare locale di Feeding America. Cain, che è un responsabile del caso carcerario, ha lavorato instancabilmente attraverso l'epidemia, prendendosi del tempo libero solo per piangere una perdita personale di COVID. Ha parlato con ELLE.com di come appare il bisogno da vicino, eliminando la vergogna dall'equazione e lavorando sull'incertezza della pandemia.


Siamo stati coinvolti nell'aiutare la comunità e coinvolti nel programma Feeding America da allora, credo, nel 2004. Mio marito, che ora è deceduto, e io ne siamo venuti a conoscenza attraverso i programmi per i veterani che all'epoca stavano facendo programmi alimentari. Ci siamo interessati e abbiamo lavorato con il nostro consiglio per farlo per la nostra chiesa.

Da allora è andata bene. Abbiamo lavorato insieme, raccogliendo fondi e aiutando la comunità: è solo qualcosa che ci piace fare. Abbiamo questo slogan: "È nei nostri cuori". Abbiamo un grande supporto con il Mississippi Food Network, la banca alimentare di Feeding America. Lavoriamo con loro da molto tempo, ci forniscono un servizio professionale e cortese.

 Feeding America Super Site

Le auto si mettono in fila per ricevere circa una settimana di cibo in un super sito di Feeding America a Houston

Courtesy Feeding America

"Tutti affrontiamo le cose in una volta o nell'altra."

Affrontiamo tutti le cose in una volta o nell'altra. Durante questo periodo COVID, abbiamo tutti bisogno di un po 'più di una mano perché così tante persone stanno perdendo il lavoro. Abbiamo ancora qualche chiamata e alcune persone in più si limitano a presentarsi. Li assistiamo durante questo periodo senza domande. Non abbiamo bisogno di mettere in discussione i bisogni delle persone: cerchiamo di aiutare il più possibile, quando possiamo. Continuiamo a raccogliere fondi da soli da aggiungere a tutto ciò che acquisiamo dalla banca del cibo. E abbiamo provato, da soli, a raccogliere fondi per ottenere di più. Facciamo bene e la nostra comunità lavora con noi, il che ci consente di andare avanti.

Cerchiamo di rimanere aperti periodicamente durante il giorno, un paio d'ore. Abbiamo ottimi assistenti, un grande gruppo di volontari che ci aiutano e tengono aperto il banco alimentare in orari e giorni specifici. Il mio numero di telefono è disponibile. Se le persone ci contattano, lo apriremo in qualsiasi momento. La maggior parte degli orari disponibili va dalle otto alle cinque. Se sono le cinque passate, sanno che possono chiamarmi. A volte il personale consegna anche cibi.

 prodotti in scatola in un super sito di alimentazione in America

Cortesia di Feeding America

Abbiamo persone per la prima volta, presentiamo loro di cosa stiamo parlando e poi introduciamo il processo su come gestiamo il cibo e il processo di richiesta se vogliono continuare. La maggior parte di loro torna e completa il processo di richiesta. A volte invitano altri a venire da noi per ricevere assistenza e il processo continua. Parliamo con la nostra gente e lavoriamo con la nostra gente in un buon modo, credo. La conversazione è sempre buona, mette a proprio agio le menti delle persone.

Il nostro periodo più intenso è stato da aprile a giugno. Abbiamo iniziato a rallentare un po 'a luglio. Penso che adesso siamo stabili. Ad agosto ne serviremmo oltre 200 in una settimana. Quando riceviamo cibo extra, possiamo servire da 300 a 400 persone a settimana e anche aiutare le nostre dispense vicine.

"Abbiamo tutti avuto morti nelle nostre famiglie a causa del COVID, ma abbiamo continuato a servire."

Durante il massimo punto, eravamo tutti molto, molto preoccupati, e dovevamo vivere secondo le regole della distanza sociale e indossare maschere del Food Network (COVID-19). Perché dovevamo essere protettivi nei confronti delle nostre famiglie e protettivi delle loro famiglie. Eravamo tutti molto preoccupati, era incerto. Abbiamo semplicemente seguito queste linee guida e tutto è andato bene. Sebbene io, i nostri volontari e il mio staff, tutti noi abbiamo avuto morti nelle nostre famiglie a causa di COVID, abbiamo continuato a servire.

Continuiamo ancora a servire la comunità. Abbiamo dovuto rallentare un po 'per un po' quando abbiamo avuto i decessi nella nostra famiglia – abbiamo avuto anche problemi. Ma ci siamo assicurati che la nostra gente fosse accudita, assicurandoci che alla fine della giornata ne avessimo abbastanza o che potessimo indirizzarli ad altre dispense.

 arance disponibili presso la banca del cibo di Houston

Courtesy Feeding America

Durante questo processo, la gente parla della perdita del lavoro o dei problemi, avendo abbastanza per pagare le bollette. Ci incoraggiano perché ci diranno molte volte che il cibo che ricevono da noi aiuta molto. Apprezziamo tutti: quando le persone dicono cose del genere ti motiva a continuare a servire. La mia famiglia e i volontari che assistono, non vacillano. Anche se tutti abbiamo paura di questo COVID, non vacillano. Continuiamo tutti a lavorare con la rete per assistere il pubblico.

Quello che ho scoperto è che è una bella sensazione aiutare. Quando una famiglia viene in un banco alimentare è una necessità. Se ce l'abbiamo, ce l'hanno anche loro. Siamo in questo insieme e lavoreremo insieme per aiutarci a vicenda.

Come raccontato ad Adrienne Gaffney.


.

In collaborazione con Feeding America, ELLE e Hearst Magazines si impegnano a creare un fine alla fame. Per aiutare le banche del cibo a sfamare le famiglie bisognose, fai una donazione su feedamerica.org.

Questo contenuto è creato e mantenuto da una terza parte e importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i loro indirizzi email. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni su questo e contenuti simili su piano.io

[ad_2]

Añadir comentario

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *